13 settembre 2007

Cronaca della calorosa accoglienza del vicesindaco di Lungro, Dott. Gennaro Domestico a Emanuele Filiberto di Savoia.



Lungro, 12 Settembre 2007, ore 11.30 circa. Qualche curioso, poche decine di ragazzini e uno sparuto gruppo di romantici hanno presenziato alla visita del rampollo di casa Savoia, Emanuele Filiberto.

Non c’è stato né il bagno di folla che l’assessore alla cultura, Dott. Giovanbattista Rennis, si auspicava, né la temuta contromanifestazione di protesta organizzata dall’incorreggibile “sovversivo” che risponde al nome di Miko Cortese.
Eppure l’assessore Rennis aveva fatto del suo “meglio” per far di una semplice visita privata un problema politico.
Non è trascorso neanche un mese da quando in un convegno pubblico si ricordava il passato antifascista della nostra comunità e il contributo dato dai nostri concittadini alla resistenza, che l’assessore Rennis fa affiggere dei manifesti in cui compaiono affiancati lo Stemma Comunale e quello della Monarchia e inoltre ad Emanuele Filiberto è riservato il titolo di “S. A. (Sua Altezza)”!!!. Ciò ha contribuito a mettere a dura prova la pazienza di coloro che hanno creduto, e credono ancora negli ideali democratici che sono alla base della Repubblica Italiana.
Le critiche piovono addosso all’assessore da tutte le parti (consultare, ad esempio, il Libro degli Ospiti del sito www.Ungra.it), persino il Sindaco di Acquaformosa Giovanni Manoccio, si dissocia e prende le distanze dalle “carnevalate” dell’Amministrazione Comunale di Lungro e degli altri paesi che hanno organizzato manifestazioni in onore del principe, con un manifesto che viene prontamente fatto sparire la mattina della visita.
Ma il nostro assessore non difetta certo in coraggio, e a differenza del codardo nonno di Emanuele Filiberto che l’8 settembre 1943 fuggì lasciando l’Italia e l’esercito allo sbando, Rennis lo stesso 8 settembre di 54 anni dopo affronta il Cortese e il comitato “Viva la Repubblica” e li prega di desistere dal mettere in atto il loro “diabolico” piano.
Il Comitato non riesce, comunque, ad organizzare la contromanifestazione, non per le parole di Rennis (che intanto, nella paura che la manifestazione fallisse, cerca sostenitori tra i militanti del centro-destra), ma per lo sfascio che esiste nella sinistra Lungrese.
Neanche il Collettivo Spartaco ha dato la sua disponibilità, poiché ritiene che nel nostro paese, oggi, esistono problemi più impellenti che la sinistra deve affrontare, primo di tutti l’attacco selvaggio al territorio, mentre la visita di Emanuele Filiberto si è trasformata in un caso politico solo per l’inopportuno comportamento della nostra amministrazione comunale.
Tuttavia il Comitato riesce a ottenere i suoi risultati: il Sindaco diserta la manifestazione per “impegni precedentemente presi”. Anche il parroco, riteniamo involontariamente, lascia la chiesa al buio e “chiude la sacrestia”.
L’assenza dei lungresi stride, invece, con la massiccia presenza delle istituzioni, a rimarcare l’enorme distanza tra queste e la società civile.
Con la fascia emblema della istituzione comunale, ad accogliere ufficialmente il principe, è designato il Dott. Gennaro Domestico.
Vicesindaco, assessore ai Lavori Pubblici, consigliere alla Comunità Montana Italo–Arbëreshë del Pollino, presidente del Pio Ospizio De Benedictis, segretario della sezione A. Gramsci dei DS, il Domestico compete con il suo ospite in quantità di titoli.
Nonostante i DS di Cassano, di Castrovillari, di Acquaformosa, e di altri paesi della Sibaritide e del Pollino, abbiano preso le distanze dall’evento, i nostri DS, abituati da tempo a ossequiare e riverire personaggi di ogni risma, non potevano lasciarsi sfuggire l’occasione di pavoneggiarsi alla presenza di un principe.
Ma in un finale lampo di genio, per non ferire la sensibilità dei compagni di ”Lungro è rossa e rossa resterà” hanno negato a Emanuele Filiberto l’onore di depositare le corone di alloro ai caduti e al monumento dei Salinari, e deciso che a farlo fosse il segretario DS.
Un dubbio ci attanaglia: Quale dei due avrebbero preferito i caduti e i minatori?


16 commenti:

Anonimo ha detto...

Solo a Lungro si vedono cose del genere........se li avete voluti mò ve li tenete!

Anonimo ha detto...

Sono l'anonimo di prima. Vorrei aggiungere che il nostro vicesindaco è ridicolo!

Gianluigi ha detto...

Bella storia! Peccato che non sia inventata!! (me l'avevano già raccontata, tra l'altro).
Comunque... a quando il prossimo articolo?

na cuntir ha detto...

Ma lo sapete che filiberti porta sfiga culicazzi ?
esempio: la morte del nostro amatissimo STECCA ... molto piu' di un semplice cane !
Ti ricorderemo !
Bau !!!!

Anonimo ha detto...

La ridicolità di chi ci amministra e sinonimo di alta espressione artistica, su cui Lungro investe quotidianamente ed ogni qualvolta gli amministratori si muovono. Lungro punta a divenire "fiore all'occhiello", di quell'Italia ormai stanca di serietà e conoscenza, che spesso soffre di nobel e di ricerca di alto livello!
Ma ora parte il progetto "Ungra", incapacità e voglia di fare, unita alla scarsa conoscenza, diverranno spinta ed esempio per gli italiani!
Un in bocca al lupo

Anonimo ha detto...

Bravissimi, avanti così. Ora passate al commento delle vicende politiche del paese. Spiegate ai nostri concittadini cosa significa essere di sinistra.

discarica ha detto...

Pubblico:
http://picasaweb.google.it/discaricalungro

pasquale (quello che sta a roma) ha detto...

cmq voglio ricordare anche io stecca......che ci mancherà davvero tanto....

pasquale (quello che sta a roma) ha detto...

e poi volevo ricordare anche iannuzzi...che sembra strano ma pure lui ci manca tanto!!!!ahahaha

discarica ha detto...

Pubblicate le diapositive della discarica datate novembre 2006.

http://picasaweb.google.it/discaricalungro

Anonimo ha detto...

il proverbio recita: hai voluto la bici, e 'mmò pedala!!
questa amm.ne è stata voluta con forza, visti il 1300 e passa voti, ora ce la teniamo cara cara.dovremmo pedalare tanto, ma davvero tanto.

Your friendly neighbour ha detto...

Basta parlare contro l'amministrazione...........
Aiutiamoli, invece, hanno tanto bisogno di aiuto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

questo fermento sociale c'è sempre stato a Lungro? un grado di partecipazione politica che va oltre la lettura del giornale. Bella lobbie! ma Iannuzzi vi aveva prorpio abituato bene eh ?! bhe ora riprendetevi la vostra Lungro ragazzi e in bocca al lupo per tutto!

Anonimo ha detto...

se si migliora questo sito può essere una valida alternativa a ungra.it..diciamo che quello sarebbe canale 5..questo raitre

Anonimo ha detto...

Chi ha fatto questo blog è stato il primo che ha stravotato Iannuzzi per piaceri personali...L'ipocrisia è la vostra migliore virtù,figuriamoci le altre...

Anonimo ha detto...

riferito a chiunque abbia scritto il commento precedente:
MA come cazzo fai a sparare ste puttanate. ma lo sai almeno chi l' ha fatto sto blog? minghiù!