26 luglio 2012

Facce precarie


(versione a maggiore definizione)
Tristi e (spesso) senza stipendio si autodefiniscono "lavoratori a nero autorizzati dallo stato". Più semplicemente "Lpu".
Continua a leggere l'articolo fotografato:
Si potrebbe commentare: è normale che i privati hanno utilizzato una serie di contratti indecenti se alcuni di questi vengono utilizzati anche dallo stato!

P.S.: l'articolo è apparso sul numero di ieri di Gazzetta del Sud.

Nessun commento: