30 agosto 2008

I prodi calabresi


Dite al mondo che ieri coi miei prodi calabresi feci abbassare le armi a diecimila soldati, comandati dal generale Ghio. Il trofeo della resa fu dodici cannoni da campo, diecimila fucili, trecento cavalli, un numero poco minore di muli e immenso materiale da guerra. Trasmettete a Napoli, e dovunque, la lieta novella.

(da un telegramma di Giuseppe Garibali a Donato Morelli, possidente di Rogliano, per celebrare la vittoria del 30 Agosto 1860 avvenuta a Soveria Mannelli. Cito dalla wiki: In Calabria i borbonici non seppero offrire una dignitosa resistenza: mentre interi reparti dell'esercito borbonico si disperdevano o passavano al nemico il 30 agosto un'intera colonna, comandata dal generale Giuseppe Ghio, venne disarmata a Soveria Mannelli.)